Fare il doppio in metà del tempo: Puntare al successo con il metodo Scrum

“Se ci fosse un premio Nobel per il management, credo che sarebbe assegnato a Jeff Sutherland, per il suo contributo all’invenzione di Scrum” Cit. Stave Denning, Forbes

Scrum ottimizza le risorse, evita gli sprechi e lancia la produttività: il sistema rivoluzionario che ha trasformato l’industria del software, per la prima volta spiegato dal suo ideatore alle aziende di ogni settore.

La nostra recensione, i punti salienti del metodo Scrum

Scrum deriva dal termine inglese “mischia nel rugby”, è un metodo di lavoro ideato da Jeff Sutherland e Ken Schwaber, per migliorare la produttività dei team all’interno di un’azienda, tramite il raggiungimento degli obbiettivi in un lasso di tempo determinato.

Gli obbiettivi vengono definiti in cicli di due settimane, chiamati Sprint, all’inizio di ogni ciclo viene svolta una riunione per pianificare le attività da svolgere all’interno del team, le attività vengono riportante su bigliettini adesivi e appiccicati su una lavagna, il team decide quanti di questi punti può portare al termine nelle due settimane successive.

Un’azione importante che avviene all’interno di ogni sprint è l’analisi sugli impedimenti che possono riscontrare i lavoratori nel portare a termine il lavoro, l’intervento immediato risolve il problema e velocizza sempre di più la produttività, cosi da poter raggiungere un numero maggiore di obbiettivi nello sprint seguente.

Secondo il metodo scrum u team deve essere composto da un massimo di 6-8 membri specializzati, per ogni team deve essere presente un “Scrum Master“, una forma di leader che coordina le attività, aiuta i membri a risolvere i problemi e crea una relazione finale di ogni sprint.

Ogni team è completamente autonomo, prende le decisioni senza dover sottoporsi all’ispezione del manager di turno, se si verifica un problema all’interno del team la colpa non viene associata ad un solo membro ma tutti devono assumersene la responsabilità e coordinarsi per evitare che questo si ripresenti in futuro.

Uno degli elementi che più colpisce leggendo questo libro è il metodo di lavoro e la gestione del team da parte dello Screm Muster, ad esempio, Sutherland suggerisce di iniziare la giornata con piccole riunioni della durata massima di 15 minuti, dove lo Screm Muster interroga i componenti del team con delle semplici domande:

  • Che cosa avete fatto ieri?
  • Che cosa farete oggi?
  • Quali ostacoli avete riscontrato e come possiamo risolverli?

Gli elementi che contraddistinguono questo metodo di lavoro sono focalizzati sulla velocità, l’apprendimento e contrastare la perdita di tempo, possiamo riassumerli in questi punti:

  1. Non perdere tempo a creare cose senza valore
  2. I membri del team devono crescere e specializzarsi attraverso corsi di formazione
  3. Risolvere subito qualsiasi tipo di problema
  4. Dare un punteggio e migliorare ad ogni Sprint
  5. Autonomia del team nelle decisioni e nei metodi di lavoro
  6. Focalizzare bene gli obbiettivi utilizzando ad esempio una lavagna
  7. Per ogni team deve essere presente la figura di un leader-facilitatore

 

Il metodo Scrum oggi è utilizzato dalle più importanti aziende Italiane e mondiali come Amazon, Apple, Ferrari, Google, Scrum è il metodo giusto per i tempi che corrono, ottimizza le risorse ed evita gli sprechi, ma sopratutto valorizza al massimo il talento delle persone.

Prefazione originale del libro:

È molto difficile, e lo proviamo tutti i giorni, fare le cose rapidamente e con efficienza. Spesso i piani migliori sulla carta vanno storti, i team lavorano su obiettivi che si sovrappongono, la pressione conduce a errori e perdite rilevanti. La frustrazione schizza in alto, i risultati non vengono raggiunti. Per ovviare a tutto ciò, la soluzione è in un metodo nato nel settore dello sviluppo software e poi propagatosi a macchia d’olio: si chiama “Scrum” (dal termine inglese che indica la mischia nel rugby) ed è la strategia del futuro per la formazione dei team, l’incremento della produttività (anzi, dell’iperproduttività, secondo chi lo usa) e il raggiungimento degli obiettivi. Basato su uno “schema di gioco” semplice e chiaro, al cui centro sta un leader-facilitatore, prevede un’organizzazione del lavoro in cicli brevi, regolati dal gruppo di persone coinvolte, ed è per questo adatto a ogni tipo di realtà, anche fuori dal business (c’è già chi lo usa nella gestione della propria famiglia, e le applicazioni sono potenzialmente infinite). In questo libro lo presenta il suo ideatore, Jeff Sutherland, pilota da caccia, esperto di biometrica e innovatore tecnologico che ha creato il primo team Scrum più di 20 anni fa. 

Note sull’autore

Jeff Sutherland,pilota da caccia, esperto di biometrica e innovatore tecnologico che ha creato il primo team Scrum più di 20 anni fa, si è laureato presso l’Accademia militare degli Stati Uniti, comandante aereonautico, dottore presso la Scuola di medicina dell’università del Colorado, tra i firmatari del Manifesto Agile per lo sviluppo software, attualmente è amministratore delegato di Scrum Inc.

Recensioni da Amazon, voto dei lettori : 5 stelle

“Incuriosito da alcuni colleghi ho voluto approfondire leggendo qualcosa sul metodo Scrum per sviluppare progetti in modo più Agile.
Mi sono imbattuto in questo bel libro dell’inventore del metodo, Jeff Sutherland, che in modo semplice ed efficace illustra le caratteristiche di questo tipo di progettualità.
Il libro mi ha letteralmente folgorato

Sarà un caso che molte delle aziende tecnologiche che dominano la crescita stanno introducendo il metodo Scrum in dosi massicce?
Consigliato a tutti quelli che ambiscono a gestire progetti sempre più complessi, ma soprattutto team eterogenei.

Vale la pena leggere il libro anche solo per il concetto di felicità come indicatore predittivo.
Consigliatissimo anche solo per gli spunti di miglioramento che offre.”

Video recensione sul metodo Scrum di Fatainformatica

Ti potrebbe interessare la lettura>>

Web marketing libri: Seo, Digital e Social media Marketing da leggere